Quali armi ha ricevuto fin qui l’Ucraina e di cosa ha ancora bisogno

Il consigliere del presidente, Mykhailo Podolyak, ha stilato un elenco di equipaggiamenti militari che l’Occidente dovrebbe inviare a Kiev. Sperando che sia la volta buona: finora di tutti i sistemi promessi dagli alleati solo una parte è arrivata nelle mani dei soldati della resistenza

Il piano di Putin per determinare una carestia globale

La guerra della Russia all’Ucraina sta portando alla fame centinaia di milioni di persone in tutto il mondo, e non è un caso. Il dittatore russo sa che i più colpiti saranno i Paesi del Nord Africa e del Medio Oriente, le cui popolazioni si riverseranno verso il cuore dell’Europa creando instabilità politica in occidente

La docu-serie Sky sul rapimento Dozier e gli anni del terrore rosso

Partendo dal sequestro del generale americano, il documentario a puntate diretto da Nicolangelo Gelormini (in onda dal 13 giugno), raccoglie testimonianze e voci del periodo più cupo della storia italiana

I cittadini russi iniziano a sentire il peso delle sanzioni occidentali

L’economia di Mosca è più in difficoltà di quel che ammette il Cremlino e gli effetti adesso sono percepiti anche dai consumatori. C’è maggior propensione al risparmio a causa della perdita di potere d’acquisto, il mercato del lavoro è bloccato e le prospettive a lungo termine sono ancora peggiori

Zelensky arretra ma Putin avanza di poco, mentre l’Europa s’incarta sulle sanzioni (video)

È una guerra senza vincitori. Enrico Cisnetto ne discute con Vincenzo Camporini, generale ed ex capo di Stato maggiore dell‘Aeronautica Militare e della Difesa, responsabile sicurezza e difesa di Azione, Marta Dassù, direttrice di Aspenia, e Matteo Villa, Head DataLab dell‘ISPI

Metsola spiega che i corridoi del grano potrebbero essere il punto di partenza per arrivare alla tregua

La presidente del Parlamento europeo da Davos dice: «Ci sono milioni di persone su questo pianeta sull’orlo della fame. Sono ostaggi di un solo Paese. Certo dobbiamo cercare in ogni modo di creare un corridoio per le risorse fondamentali, perché questo pianeta sia in grado di crescere»

Su petrolio e gas russo l’Europa sarà costretta a trovare un compromesso, dice il ministro Cingolani

Il titolare della Transizione ecologica spiega: «È una questione estremamente complessa perché le situazioni dei vari Paesi sono molto differenti. Il punto di vista di chi dice che una sanzione non dovrebbe danneggiare chi la fa più di chi la subisce è comprensibile»

Cosa dobbiamo fare per non rimanere senza energia (video)

La guerra del gas ha imposto scelte difficili e ne imporrà altre: tra razionamento, embargo e RePower, Enrico Cisnetto ne discute con l’economista Lorenzo Bini Smaghi insieme ad Alberto Clò, direttore di Rivista Energia e Lapo Pistelli, direttore Public Affairs Eni

image_pdfimage_print