Aggiornamento Windows 10 20H2

Il Computer, che sia Windows, che sia Mac, oggi costituisce uno strumento di lavoro fondamentale ed indispensabile. Immaginare un mondo senza Computer è oggi impossibile. Come se non bastasse si aggiunge lo Smart Phone che, fra le altre cose ... telefona.
Questo spazio vuole essere un ausilio dal linguaggio semplice ed a disposizione di tutti senza eccessivi tecnicismi ed ha l'intento di fare in maniera che tutti possano operare tramite Windows mac o smart Phone
Un grazie anticipate a chi ci leggerà e a chi avrà voglia di collaborare.

Gli Amministratori
Administrator
Site Admin
Messaggi: 30
Iscritto il: mer ott 07, 2020 9:11 am

Aggiornamento Windows 10 20H2

Messaggio da leggere da Administrator »

Microsoft rilascia due aggiornamenti con feature ogni anno per Windows 10, oltre a quelli di sicurezza che possono essere pianificati (uno al mese) o meno. Negli ultimi mesi l'azienda ha lavorato per rilasciare il secondo aggiornamento del 2020 dopo il May 2020 Update e qui riportiamo le novità principali che sono da attendersi con l'installazione del nuovo aggiornamento.
Con l'update di fine 2020 ci sarà una grossa novità con le nomenclature: le nuove versioni infatti non verranno identificate più con quattro cifre, ma con due cifre iniziali che indicheranno l'anno e infine H1 o H2, che indicheranno rispettivamente la prima o la seconda metà dell'anno. Il nuovo aggiornamento non si chiamerà quindi 2009 o 2010 (dove 09 e 10 avrebbero rappresentato Settembre od Ottobre), ma Windows 10 20H2. Invece di indicare il mese in cui è stato finalizzato l'update, quindi, la nuova nomenclatura indica solo se l'aggiornamento è stato rilasciato nella prima o nella seconda metà dell'anno.
Microsoft si è trovata spesso a dover rimandare un aggiornamento (anche dopo aver tentato un primo rilascio), pertanto le indicazioni del mese nel nome della versione non sempre sono state rispettate. Proprio per evitare nuovi problemi di questo tipo l'azienda ha scelto un periodo di tempo meno ristretto, visto che è difficile che un update con feature venga ritardato di sei mesi.
Windows 10 20H2 sarà un aggiornamento con feature di dimensioni relativamente piccole, proprio come era stato Windows 10 1909 lo scorso anno. Inoltre, per chi ha già Windows 10 2004 (May 2020 Update), verrà installato solo un pacchetto di abilitazione che attiverà delle feature che sono già presenti nel codice dell'attuale sistema operativo ma non sono ancora disponibili per l'utente. Windows 10 2004 e Windows 10 20H2 riceveranno inoltre gli stessi aggiornamenti di sicurezza mensili, con le build che avranno nomi simili.
C'è una novità che sarà evidente sin da subito, non appena la nuova versione verrà installata sul sistema. Il Menu Start, infatti, avrà una grafica più affine al tema scelto nelle Impostazioni, grazie al colore utilizzato nelle varie "Tile". I riquadri non avranno più un colore solido, ma saranno caratterizzati da un effetto di trasparenza sul colore scelto dall'utente per il Menu. Non utilizzando un colore a sé, le Tile seguiranno lo stile del tema scelto dall'utente, sia esso in modalità chiara sia in modalità scura.
L'utente può comunque abilitare le tile colorate sul Menu Start attraverso l'opzione in Impostazioni/Personalizzazione/Colori, e i riquadri verranno colorati mantenendo l'effetto di trasparenza.
Il nuovo aggiornamento introdurrà miglioramenti nell'elenco Tutte le app del Menu Start, che riprendono le nuove tile trasparenti. Le icone delle app nella lista non vengono più presentate all'interno di box di colore solido, e quindi sono più grandi e la loro rappresentazione più pulita rispetto a prima. C'è inoltre una nuova icona per le cartelle, che segue i dettami del Fluent Design.
Nella barra delle applicazioni, invece, i nuovi utenti potranno vedere delle app diverse di default rispetto alle solite Edge, Esplora file, Microsoft Store e Posta, come ad esempio Il tuo telefono se c'è uno smartphone Android collegato all'account Microsoft oppure Xbox se viene rilevato un PC gaming. Chi aggiorna da una vecchia installazione di Windows 10, invece, non troverà novità in questo ambito visto che verranno riproposte le stesse icone presenti nella versione precedente.
Ci sono anche alcune modifiche per i dispositivi 2-in-1 e l'esperienza con tablet con l'obiettivo di deprecare del tutto la modalità tablet tradizionale. Quando viene scollegata una tastiera o viene posta dietro lo schermo, non si vedrà più una richiesta per passare alla modalità tablet, ma automaticamente verrà avviata una nuova modalità di visualizzazione degli elementi, con spaziatura aumentata fra i vari oggetti della schermata e la possibilità di avviare una tastiera touch via tasto sulla barra delle applicazioni.
Si tratta di una modalità già presente su Windows 10 2004, tuttavia solo sui dispositivi Surface era stato eliminato l'avviso per passare alla modalità tablet. Anche in questo caso il vecchio avviso per usare la vecchia Modalità Tablet può essere ripristinato attraverso Impostazioni/Sistema/Tablet.
I computer privi di touchscreen non mostreranno più il tasto per la Modalità Tablet sul Centro notifiche, mentre è stato migliorato il sistema per la scelta della modalità corretta all'avvio in base a diversi criteri, come ad esempio se è collegata una tastiera o se all'ultimo spegnimento era attiva l'esperienza da tablet.
La versione di Microsoft Edge basata su Chromium è una realtà già da diverso tempo, tuttavia Windows 10 20H2 sarà il primo aggiornamento che la includerà "di serie". Attraverso l'implementazione nativa sono state inserite alcune novità che rendono l'integrazione con il sistema operativo più capillare: ad esempio nel menu accessibile attraverso la barra delle applicazioni saranno presenti nuove voci su tutte le tab aperte dello stesso sito web. Questa funzione, disponibile a partire da Edge 86, sarà probabilmente disponibile a tutti gli utenti con Windows 10 20H2.
Il "task switcher" (a cui si accede premendo Alt + Tab) viene migliorato: quando ci sono più tab aperte su Microsoft Edge ognuna verrà elencata individualmente nella schermata. Per impostazione predefinita, saranno visibili fino a cinque tab, ma si può modificare l'opzione attraverso Impostazioni/Sistema/Mult tasking.
Novità nelle notifiche
Le notifiche in arrivo verranno presentate in maniera più chiara, con una separazione più netta per quanto riguarda l'app da cui proviene la notifica e il suo contenuto. Un nuovo pulsante "X" consentirà inoltre di sbarazzarsi subito della notifica ed eliminarla anche dal Centro notifiche direttamente dal pop-up. L'icona a forma di ingranaggio per la gestione della notifica, inoltre, è stata sostituita da una nuova icona con tre punti.
L'Assistente notifiche, inoltre, impedirà alle notifiche di apparire - come al solito - durante determinati scenari, come mentre si gioca o si utilizzano app a schermo intero. In passato l'attivazione e lo spegnimento automatici della funzione venivano notificati, mentre questo non avverrà con la nuova versione di Windows 10. Il precedente comportamento del sistema di notifiche può essere comunque ripristinato attraverso le Impostazioni.
Altre novità di Windows 10 20H2
Su Windows 10 20H2 possono essere trovate diverse novità minori in tutto il sistema operativo, come un nuovo tasto "Copia" nella schermata Informazioni sul sistema delle Impostazioni, e nuove voci per accedere a menu specifici. Nel sistema operativo ci saranno anche controlli più granulari per le aziende e gli amministratori.
Windows 10 20H2, come prepararsi all'aggiornamento
Windows 10 October 2020 Update (20H2) è stato già rilasciato nel canale Release Preview per tutti gli utenti Insider, quindi Microsoft è già pronta al rilascio finale. L'azienda non ha ancora divulgato una data di lancio, ma supponiamo che il roll-out verrà avviato a breve prima sui computer più moderni e su sistemi selezionati, per poi arrivare su quelli meno recenti.
Al solito, in qualità di aggiornamento con feature, non verrà installato automaticamente, ma verrà proposto come aggiornamento opzionale nella schermata Windows Update da cui potrà essere installato manualmente. Sui sistemi Windows 10 con una versione vecchia del sistema operativo che si sta avvicinando alla fine del supporto, invece, il sistema operativo verrà installato automaticamente, visto che altrimenti non riceverebbe più aggiornamenti di sicurezza, fondamentali per proteggere il computer da minacce esterne.