Come Aprire Un Conto Online

Il Computer, che sia Windows, che sia Mac, oggi costituisce uno strumento di lavoro fondamentale ed indispensabile. Immaginare un mondo senza Computer è oggi impossibile. Come se non bastasse si aggiunge lo Smart Phone che, fra le altre cose ... telefona.
Questo spazio vuole essere un ausilio dal linguaggio semplice ed a disposizione di tutti senza eccessivi tecnicismi ed ha l'intento di fare in maniera che tutti possano operare tramite Windows mac o smart Phone
Un grazie anticipate a chi ci leggerà e a chi avrà voglia di collaborare.

Gli Amministratori
Administrator
Site Admin
Messaggi: 26
Iscritto il: mer ott 07, 2020 9:11 am

Come Aprire Un Conto Online

Messaggio da leggere da Administrator »

L’apertura di un conto corrente bancario è un’operazione in sé molto semplice da effettuare. Ma quali sono le tempistiche di apertura di un conto?
Nel corso degli ultimi anni i tempi per aprire un conto corrente si sono notevolmente accorciati rispetto al passato. Non esiste tuttavia un limite massimo unico in materia, limite che invece a livello legislativo è stato imposto per chiudere un conto corrente.
Si può però affermare che generalmente ci vuole molto meno tempo ad aprire un conto corrente online che ad aprirne uno tradizionale. Innanzitutto perché nel caso di un conto online il cliente può provvedere ad inviare tutti i documenti richiesti corredati con i contratti firmati, anche digitalmente, via mail o via posta; ed in secondo luogo quando la banca opera online, molti dei processi amministrativi interni sono automatizzati, ed è quindi possibile concludere la procedura apertura in meno di due giorni.
Sia che si voglia aprire un conto corrente bancario tradizionale, sia che si voglia procedere all’apertura di un conto corrente online, comunque, requisiti e documenti da produrre in fase di richiesta sono praticamente gli stessi. Partiamo dai documenti. In linea generale all’atto dell’apertura ci sono una serie di documenti “obbligatori” da produrre, ed altri “opzionali” che potrebbero esserci richiesti dalla banca. I documenti obbligatori sono la fotocopia di un documento di identità in corso di validità (carta di identità o passaporto) ed il codice fiscale. Se il conto ha più intestatari, saranno necessari i documenti ed i codici fiscali di tutti i titolari. Se il conto è intestato ad un minore, invece, saranno necessari i documenti dei genitori o dei tutori legali, oltre a quelli del minore titolare del conto.
Infine, per stranieri – anche se regolarmente residenti – potrebbero essere richiesti copia del permesso di soggiorno e del passaporto. Tra i documenti che opzionalmente la banca potrebbe richiederci all’apertura del conto c’è ad esempio l’ultima busta paga, per i lavoratori dipendenti, o l’ultimo Modello Unico presentato in fase di dichiarazione dei redditi. I tempi di apertura sono, di solito, brevissimi. A seguito del controllo sulla veridicità e completezza dei dati e delle documentazione forniti, la banca procede all’apertura del conto. Contestualmente vengono predisposti e forniti gli strumenti per l’home banking ed i codici di sicurezza per l’accesso.
Per l’apertura di un conto corrente online sono necessari gli stessi documenti forniti per la procedura in banca. In questo caso, è possibile procedere direttamente da casa, inviando una copia digitale di codice fiscale e carta d’identità. La scelta di un conto online si dimostra vantaggiosa sotto diversi e numerosi punti di vista. La pratica può essere svolta in qualsiasi giorno della settimana e orario, comodamente da casa e, quindi, evitando le code allo sportello o presso gli uffici. Inoltre, la diffusione sempre maggiore di internet su pc e smartphone, ha fatto sì che le banche, per adeguarsi alle nuove tecnologie, abbiano aggiornato app e siti web rendendoli facilmente fruibili da qualsiasi dispositivo.
La richiesta va inviata dal sito web della banca online scelta per attivare il servizio, selezionando la pagina dedicata all’apertura di un nuovo conto online. Vanno compilati i campi riguardanti i dati personali richiesti (nome, cognome, data di nascita, residenza, codice fiscale etc.). Di solito, la banca online mette a disposizione dei cittadini un servizio di assistenza tramite call center o via email. Alcune banche che operano esclusivamente online, inoltre, hanno una rete di promotori finanziari per assistere il cliente durante l’apertura, la gestione e la chiusura del conto corrente online.
Dopo aver compilato i moduli online, l’utente dovrà stampare tutti i documenti e firmare il contratto seguendo le istruzioni fornite dall’istituto di credito. A seconda delle modalità operative della banca online, il cliente dovrà consegnare il contratto firmato presso una filiale di appoggio oppure spedirlo via posta o via mail allegando la fotocopia di un documento di identità valido. Ci si potrà avvalere ancora dei promotori finanziari. In ogni caso, sarà la banca a confermare l’apertura e l’attivazione del conto corrente bancario online, inviando i codici di accesso con una comunicazione scritta, via posta tradizionale e/o via email. Dipende dalle procedure di sicurezza adottate dalla banca.
Alcune raccomandazioni: mai omettere di leggere le condizioni contrattuali generali (il Foglio Informativo presente sul sito della banca prescelta) prestare l’assenso ove richiesto. In secondo luogo, bisognerà compilare il modulo informativo, attraverso l’inserimento dei dati di identificazione e intestazione del conto. Normalmente questa fase online non richiede molto più tempo di quanto avverrebbe se ci si rivolgesse di persona ad una filiale. Una volta conclusa la procedura di sottoscrizione del contratto (sia essa avvenuta in maniera tradizionale oppure online), tecnicamente il conto corrente risulta aperto.
Tuttavia, perché si possa cominciare ad operare con il medesimo, è necessario attendere qualche altro giorno. Subito dopo la firma del contratto, in genere, il conto è già aperto, provvisto di IBAN e di coordinate bancarie, ma per attivarlo basterà fare un primo versamento, in contanti o tramite bonifico. Per utilizzare tutti i servizi di internet banking, bisognerà invece attendere i codici di accesso del nuovo conto corrente. La banca provvederà a recapitarli via mail, sms o posta ordinaria, a seconda delle procedure previste dall’istituto di credito. Via posta o direttamente in filiale riceverete, inoltre, la carta di debito: seguendo le istruzioni, l’attivazione sarà semplice ed immediata. Per sfruttare tutte le potenzialità del nuovo conto corrente, potrete in seguito richiedere il libretto degli assegni, la carta di credito e tutti gli altri servizi messi a disposizione dalla banca.
Passiamo ai controlli amministrativi:
La Banca deve tutelarsi da numerosi tentativi di truffa, ogni giorno sempre nuovi e più articolati, e a meno che non siate un cliente con altri rapporti già aperti presso lo stesso istituto di credito, deve svolgere una serie di controlli che andiamo ad illustrare:
1) viene effettuato un controllo sulla validità (data di scadenza) del documento presentato;
2) viene controllata la coerenza tra la firma presente sul documento e quella depositata sullo specimen;
3) il numero del documento viene inserito in una banca dati e confrontato con i documenti che risultano essere rubati o documenti in bianco oggetto di Furto o Smarrimento. Il database è gestito dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale ed effettua la ricerca sulle seguenti categorie di documenti:: Tessere personale magistrati, Carta d’Identità, Carta di Circolazione, Carta di Soggiorno, Carta d’Identità Diplomatica, Certificato di Proprietà, Foglio di soggiorno per stranieri, Lasciapassare Comunitario, Lasciapassare di Frontiera, Libretto di Navigazione, Libretto o Tessera Ferroviaria, Libretto o Tessera Postale, Licenza di Pesca, Licenza Nautica, Passaporto di Servizio, Passaporto Diplomatico, Passaporto Ordinario, Patente di Guida, Patente Nautica, Porto d’Armi, Tessere Visa tipo Schengen, Tessera Militari o Forze dell’Ordine, Tessera Parlamentari, Titoli Viaggi Apolidi, Titolo di Viaggio Rifugiati Politici, Titoli di Viaggio straniero;
4) viene controllata la coerenza del Codice Fiscale ed in presenza di partita IVA viene fatta una visura camerale per vedere anche la vostra eventuale partecipazione in altre società all’interno delle quali rivestite un ruolo garante.
5) se il nominativo risulta già censito nell’anagrafe della Banca, viene controllato che esso non abbia avuto segnalazioni negative nei precedenti rapporti, come ad esempio sconfinamenti rilevanti, passaggio a sofferenza, chiusura irregolari.
6) i dati anagrafici e codice fiscale vengono inseriti in in CAI (Centrale Allarme Interbancaria) per controllare se il nominativo risultasse protestato per assegni o carte di credito (CARTER). La centrale riceve le segnalazioni da qualsiasi istituto di credito, di conseguenza se non avete pagato l’addebito di una carta di credito e pensate di chiudere i rapporti con la banca per aprirli presso una nuova, la segnalazione è pressochè istantanea e dura 24 mesi dal momento della revoca che ha colpito la vostra carta di credito.