Recensione

La fortuna ha voluto catapultarti in questo forum! Ora devi renderlo interessante raccontandoci delle tue letture! Raccontandoci del piacere di leggere! Cosa fa chi ha il piacere di leggere? Vorrebbe condividere il piacere di una bella lettura. Lo so, oggi ci sono tanti gruppi social e tanti siti che ti offrono la gioia di condividere. Se sei arrivato qui, però, è perché qualcun'altro ti ha fatto conoscere quest'angolo silenzioso in cui poter raccontare le sensazioni ed i tumulti, che quell'amico che tace quando deve tacere e che parla quando deve parlare, provoca. Aspettiamo le tue riflessioni, le tue recensioni, i tuoi consigli. In questo modo potrai trasmettere agli altri il tuo piacere di leggere, il tuo piacere di condividere e, perché no, il tuo piacere di scrivere. Gli scritti sono i benvenuti e saranno pubblicati nel forum o nel sito di riferimento come sta già avvenendo per alcuni autori. Puoi condividere le tue esperienze teatrali, puoi condividere file audio e video relativi a tue esperienze culturali purché non si violi il copyright. Puoi rinviare chi ti leggerà alle fonti audio video che hanno fatto parte della tua esperienza culturale. C'è, se ti va, tanto da raccontare perché di imparare non si finisce mai.

Administrator

Moderatore: Administrator

Rispondi
fralama1234
Messaggi: 7
Iscritto il: mer lug 03, 2019 12:14 am
Contatta:

Recensione

Messaggio da fralama1234 » ven lug 05, 2019 7:38 pm

“M. Il figlio del secolo” di Antonio Scurati

Silvia Gismondi    05-07-2019
“M. Il figlio del secolo”, scritto da Antonio Scurati ed edito da Bompiani, ripercorre gli anni precedenti l’affermazione del regime fascista in Italia. La narrazione inizia il 23 marzo 1919 a Milano con la fondazione dei Fasci di combattimento e si conclude il 3 gennaio 1925 nella Camera dei deputati durante una seduta che segnerà la storia d’Italia.
L’autore è Antonio Scurati, editorialista de “La Stampa” e autore di numerosi saggi e romanzi tra cui “Il tempo migliore della nostra vita” con cui ha vinto sia il premio Viareggio sia, per la seconda volta, il premio Selezione Campiello. Il libro si aggiudicato invece il Premio Strega 2019 con 228 voti.
“M. Il figlio del secolo” è una storia corale, nel libro parlano tutti i protagonisti di quegli anni: figure maschili e femminili di primo piano, ma anche gregari, che hanno avuto un ruolo limitato, ma importante nel corso di quel periodo storico. Il racconto di Scurati inizia sempre fissando il luogo dove si svolgono i fatti, il momento e il personaggio principale. La narrazione è intervallata dalla presenza dei documenti storici, che sono stati alla base della scrittura delle pagine precedenti.
Alle 11.05 del 30 ottobre millenovecentoventidue, nel momento in cui aveva salito le scale del Quirinale per ricevere dal re d’Italia l’incarico di governarla, Benito Mussolini, di origine plebea, zingaro della politica, autodidatta del potere, a soli trentanove anni era il più giovane primo ministro del suo Paese, il più giovane dei governanti di tutto il mondo al momento dell’ascesa, non aveva nessuna esperienza di governo né di amministrazione pubblica, era entrato alla Camera dei deputati soltanto sedici mesi prima e indossava la camicia nera, la divisa del partito armato senza precedenti nella storia. Con tutto ciò, il figlio del fabbro - figlio del secolo - aveva salito le scale del potere.
È un tomo imponente, ma la scrittura e la narrazione, soprattutto dal momento dell’elezione di Mussolini come presidente del Consiglio, scorre in un ritmo di eventi molto serrato che coinvolge totalmente il lettore.
Nella parte finale del libro c’è un richiamo ai molti personaggi classificati come: “fascisti, fiancheggiatori e affini”, “socialisti e comunisti”, “parenti, amici e amanti”.
M. Il figlio del secolo copertina del libro
Titolo libro: M. Il figlio del secolo
Autore del libro: Antonio Scurati
Genere: Romanzi e saggi storici
Categoria: Narrativa Italiana
Casa editrice: Bompiani
Anno di pubblicazione: 2018


© Riproduzione riservata

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite