Canone Rai: novità 2017

Canone Rai: novità 2017

image_pdfimage_print

A proposito del Canone Rai, la Legge di Stabilità 2017 appena varata ha previsto qualche cambiamento. Cominciamo con il dire che l’importo è stato ridotto ed il pagamento verrà suddiviso in 10 mensilità. E’ confermata la riscossione del canone Rai mediante l’addebito in bolletta elettrica. Vediamo nel dettaglio:
l’addebito in bolletta elettrica ha praticamente reso impossibile l’evasione fiscale della tassa. Ciò ha consentito al governo di predisporre un ulteriore taglio della stessa. Se quest’anno abbiamo pagato 100 €, nel 2017 ne verseremo 90 che verranno riscosse con le medesime modalità del 2016 e che saranno suddivise in 10 mensilità. La prima rata sarà versata a Gennaio 2017 e l’ultima ad Ottobre 2017.
Come nel 2016, il Canone Rai 2017 va pagato da chiunque sia titolare di un’utenza elettrica. Il fatto che si sia titolare di utenza elettrica fa infatti pensare che si sia possessori di apparecchio TV utile alla ricezione del segnale televisivo. In caso contrario va inoltrata tempestivamente all’Agenzia delle Entrate una comunicazione che attesta il non possesso di apparecchi TV. La comunicazione va fatta o online mediante il sito dell’Agenzia delle Entrate (si rinvia agli articoli già presenti su questo sito

in relazione al canone Rai) oppure attraverso la trasmissione di un’autocertificazione da inviarsi, a mezzo raccomandata A.R, all’indirizzo: “Agenzia Delle Entrate S.A.T, Sportello Abbonamenti TV Ufficio Torino 1 Casella postale 22 10121 Torino. In alternativa il modulo potrà essere consegnato all’Ufficio dell’agenzia Delle Entrate più vicino al luogo di residenza che provvederà ad inviarlo all’apposito ufficio S.A.T. I termini entro cui bisognerà inviare la comunicazione di “non possesso di apparecchio televisivo, scadono il 31 Gennaio 2017. Inoltre, si ricorda che la comunicazione va ripetuta ogni anno e che in caso di falsa dichiarazione si rischia una condanna penale.
Anche per il 2017 sono esonerati dal pagamento del Canone Rai alcuni soggetti. L’importo non deve essere versato dagli anziani Over 75 che presentano questi requisiti:
• compimento dei 75 anni entro il termine di pagamento del canone;
• non convivere con altri soggetti titolari di un proprio reddito;
• reddito che, unito a quello del coniuge convivente, non deve superare i 516,46€ per tredici mensilità.
fine elenco
Anche gli invalidi civili sono esonerati dal pagamento del Canone Rai 2017 ma solo se degenti in casa di riposo. Infine, l’esonero del canone è previsto
per:
elenco di 4 elementi
• Militari delle Forze Armate Italiane: ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno dei militari delle Forze armate. Inoltre se un membro delle
Forze Armate si trova in un appartamento privato situato all’interno di una struttura militare non è esonerato dal pagamento del canone;
• Militari di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato;
• Agenti diplomatici e consolari: solo per quei Paesi per cui è previsto lo stesso trattamento per i diplomatici italiani;
• Rivenditori e negozi in cui vengono riparate TV.
fine elenco

Per quanto concerne la modulistica utile alla richiesta di esenzione del canone Rai, si può fare riferimento al link:
http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Home/CosaDeviFare/Richiedere/Canone+TV/Modelli+e+istruzioni+canone+TV/
Ogni altro aggiornamento sarà tempestivamente riportato su questo sito.

BY Administrator – 9 Dicembre 2016 –

Chiama Adesso!